Il Diabete Wellness Week End dell’AILD – Lions Club – Distretto 108 L

Il Diabete Wellness Week End dell’AILD

1 maggio 2019, 10:42

IL DWWe (Diabetes Wellness Week-end) oggi è realtà, una realtà lions, una realtà patrimonio del cittadino attento alla salute ma anche di quello meno attento che grazie all’iniziativa nazionale dell’AILD (Associazione Italiana Lions per il Diabete) ha avuto modo di apprezzare il valore dello sport, dell’amicizia e della buona informazione al fine di prevenire una delle patologie più subdole dell’era moderna: il Diabete. L’AILD nella persona del presidente Mauro Andretta ha scelto l’Umbria per la versione zero del DWWe, precisamente nelle città di Narni e Perugia con l’importante aiuto del Lions Club delle due Circoscrizioni umbre, con Club coordinatore relativamente il Lions Club Narni (del quale Andretta ne presiede l’annata) e il Lions Club Perugia Host (presidente Ermes Farinazzo). L’anima dell’evento è stata alimentata dalla passione di quattro lions in particolare: Mauro Andretta, Cecilia Villani, Ermes Farinazzo e Lino Le Voci che con puntualità organizzativa e pragmatica risolutezza hanno saputo organizzare e dirigere un evento primo nel suo genere sul panorama nazionale. La prima edizione della manifestazione tanto attesa è stata così articolata tra le molteplici attività motorie e l’interessante momento di sabato 27 aprile del convegno di alto valore scientifico con autorevoli relatori a Narni la mattina presso l’Auditorium San Domenico (prima parte) e a Perugia nel pomeriggio presso la Scuola di Lingue Estere dell’Esercito (seconda parte), quest’ultima grazie al Generale Incisa di Camerana che con entusiasmo e disponibilità ha ospitato l’evento all’interno del Complesso Monumentale. Il Convegno ha richiamato l’attenzione mediatica con relazioni d’eccellenza di docenti universitari e professionisti della salute e della tecnologia applicata al movimento; moderato a Narni nella prima parte dal dott. Michele Martella (Medico dello Sport), il primo autorevole intervento è stato del dott. Giuseppe Fatati (Primario Servizio di Diabetologia dell’Ospedale di Terni) che esponendo sui new devices in diabetologia e qualità della vita ha dato inizio ai lavori esponendo sullo stato dell’arte, il secondo intervento a opera del dott. Massimiliano Cavallo (Presidente Young SID Umbria – Scuola di Specializzazione in Scienze dell’Alimentazione dell’Università degli studi di Perugia) ha trattato nello specifico le linee guida scientifiche nazionali dell’alimentazione e l’esercizio fisico per la prevenzione del Diabete di tipo 2. La mattinata è proseguita con il dott. Piero Labate (Presidente ABiU – Associazione Biologi Umbria) che ha esposto i princìpi della dieta chetogenica nella sua applicazione razionale, sottolineandone il possibile utilizzo preventivo nell’insorgenza della patologia diabetica. A seguire ed entrando nello specifico nell’applicazione dell’esercizio fisico terapeutico, la relazione della prof.ssa Leonella Pasqualini (Presidente del Corso di Studi in Scienze e tecniche dello Sport e delle Attività Motorie Preventive e Adattate – Direttore del Master Universitario in Management dello Sport e delle Attività Motorie) ha sottolineato come un adeguato esercizio fisico scientificamente adattato, sia efficace alla prevenzione e alla terapia della condizione diabetica, come una vera terapia farmacologica. Chiude i lavori della prima parte del convegno il dott. Silvano Zanuso (Direttore del Dipartimento Medico Scientifico di TechnoGym) che in duplice relazione a Narni e Perugia, ha esposto l’efficienza nel problem solving applicato alla salute di una grande realtà aziendale al servizio della prevenzione di patologie che affondano le radici nell’ipocinesia e la sedentarietà con una relazione sulle nuove tecnologie al supporto dell’attività fisica nei soggetti con diabete di tipo 2. Nel pomeriggio il convegno in seconda parte, moderato dal prof. Paolo Brunetti (Presidente onorario AILD) e con cerimoniale Lions ad opera di Marco Terzetti (Lions Club Perugia Concordia), dopo aver introdotto in modo “impeccabile” e salutato le autorità, è sceso nello specifico dello screening dei soggetti a rischio diabetologico con il prof. Fausto Santeusanio (già Docente di Endocrinologia presso l’Università degli studi di Perugia e vicepresidente AILD); a seguire la dott.ssa Elisabetta Torlone (Coordinatore Nazionale del gruppo di studio AMD-SID Diabete e Gravidanza – Endocrinologia e Malattie del metabolismo Ospedale di Perugia) ha esposto l’importanza dei primi 1.000 giorni del bambino e la prevenzione del Diabete in utero, puntando l’attenzione sulla mamma e la gestazione. Il prof. Felice Strollo (Docente presso il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche e Biomolecolari dell’Università di Milano e Vice Presidente ANIAD – Associazione Nazionale Italiana Atleti Diabetici) ha relazionato su come effettivamente la sedentarietà possa predisporre al Diabete e come una sana attività fisica possa essere un modo utile e a portata di mano per prevenire il male del secolo; inoltre l’attenzione del relatore si è focalizzata sull’importante protocollo d’intesa con AILD. Terminando con l’intervento del dott. Attilio Solinas sull’aspetto legale delle tanto attese palestre della salute, si è approfondito la norma regionale che potrebbe
aggiungere alle palestre, luoghi di aggregazione e divertimento, l’aspetto tecnico, scientifico e salutistico di professionisti adeguatamente formati per il trattamento e prevenzione del Diabete. In contemporanea all’evento scientifico, sabato presso lo stadio Santa Giuliana si è tenuta la prima gara regionale su pista organizzata da Fidal, per la prima volta tornata al Santa Giuliana dopo anni di lavori di ristrutturazione. A conclusione della prima giornata di sabato 27 aprile, il concerto indimenticabile di Cinzia Tedesco, grande cantante jazz che ci ha incantato con le sue “Grandi Melodie in Jazz“ presso Giò Jazz Area, quest’ultima gentilmente offerta da Valeria Guarducci. L’intero incasso del concerto è stato interamente devoluto dalla Tedesco alla ricerca scientifica del centro di ricerca sul diabete dell’AILD, diretto dal prof. Riccardo Calafiore. La domenica è stata interamente dedicata all’attività fisica, iniziata con l’appuntamento in Piazza Monteluce del Piedibus, programma della USL Umbria 1, con la sua ideatrice e responsabile dott.ssa Erminia Battista che con piacere e passione ha accettato di condividere con AILD una salutare camminata attraverso le vie della città, fino allo stadio Santa Giuliana soffermandosi sui corretti stili di vita orientati al benessere a 360 gradi. Un apprezzato riconoscimento dalle Istituzioni locali nella persona del Sindaco Andrea Romizi e suoi assessori che riconoscendo l’importanza degli intenti della manifestazione, hanno permesso di usufruire della struttura sportiva del Santa Giuliana. Una grande festa, dedicata al movimento e all’attività fisica con la presenza di varie società sportive e loro specifiche discipline, tutto coordinato da MSP (Movimento Sportivo Popolare Italia) di Gianfranco Mastrangelo in intesa con l’attivo socio Lions Lino Le Voci. Presente la collaborazione con il Golf Club Perugia con il progetto inclusivo “Golf Insieme” dedicato alla persona con patologia. Un ringraziamento l’AILD lo esprime verso tutti i soci Lions che hanno prestato la loro presenza, energia e amore per l’importante evento, al Governatore del Distretto Lions 108 L Leda Puppa, rappresentata dal Presidente di Zona B della IX Circoscrizione Elvira Schiaffella Persichini che ha creato le basi di unione sul territorio per la presenza dei Lions Club. L’evento nazionale dell’AILD si è manifestato come un successo dell’Associazione, dei Lions tutti ma anche un successo della civiltà al servizio della solidarietà ed assistenza alla persona con diabete. Di fondamentale importanza si è rivelato il Main Partner TechnoGym con il quale si sono fondate le radici della manifestazione e che ne ha colto nel profondo le potenzialità in termini di intervento sociale in quello che si è manifestato nel motto “se ti muovi il diabete si ferma”. TechnoGym è stata presente anche sul piano scientifico con la presenza al convegno del dott. Silvano Zanuso, pietra miliare dell’azienda che ha messo a disposizione dell’AILD una APP capace di monitorare iscrizioni ed attività fisica effettuata sul campo, reperendo dati da poter inserire negli studi scientifici mirati. L’AILD ringrazia UMBRAGROUP, BANCAMEDIOLANUM, LENERGIA e i molti Lions Club che hanno partecipato anche sul piano economico, sovvenzionando la manifestazione nelle spese vive. Un grande successo, ma come tutti i grandi successi non sono mai raggiungibili da soli, anche il DWWe è frutto del più profondo senso del NOI al quale i Lions sono legati nella manifestazione del motto “We Serve”.

Condividi su

 

Scroll to top