Le Lioness di Cagliari trattano il tema dell’Ippoterapia – Lions Club – Distretto 108 L

Le Lioness di Cagliari trattano il tema dell’Ippoterapia

4 luglio 2019, 11:55

Si è tenuto il 9 maggio al Campo Rossi Cavalleggeri Anac di Cagliari il Convegno nazionale sul tema “Gli interventi assistiti con il cavallo: dalla ippoterapia alla integrazione sportiva della disabilità”. L’evento è organizzato dal Lioness Cagliari insieme alla Fise Nazionale e alla Fise Sardegna. La prima parte della mattinata è stata dedicata ai saluti alle autorità intervenute:

Patrizia Mancusi Schirru, presidente Lioness club Cagliari
Mario Nieddu, Assessore alla sanità Regione Sardegna
Domenico Gallus, Presidente della commissione Sanità della Regione Sardegna
Stefano Meloni, Presidente comitato Regionale FISE Sardegna
Grazia Basano, consigliere Federale

Il convegno ha avuto seguito con gli interventi di:

Stefano Seripa “Cavallo fra riabilitazione e sport”
Gianluigi Giovagnoli “Scelta e gestione del cavallo impegnato negli IAA”
Barbara Ardu”Focus sull’attività presportiva e sportiva FISE negli sport integrati e paraolimpici
Alessandro Pavoni ”Il Parareining, nuova risorsa per lo sport paraequestre: classificazioni e regolamento”
Raffaela Montis, “ Here is the challenge! Un progetto FISE Sardegna e FEI per sclerosi multipla ed equitazione” con testimonianze di alcuni atleti paraolimpici che hanno
raccontato la loro esperienza e partecipato al progetto, Alberto Lecis, Elena Perria, e Giovanna Baccanti

Conclude l’intensa mattinata Alessandra Pes parlandoci di”Paraendurance in Sardegna”
Nel pomeriggio, nell’area equitazione del Campo Rossi, si è svolta l’esibizione di quattro atleti paraolimpici: Alberto Lecis, Tania Medda, Denise Rispoli e Francesca Pia D’Agostino.

Patrizia Mancusi Schirru e Sabina Corriga, presidente e vice presidente del Lioness Club Cagliari spiegano che Il convegno nasce come seconda esperienza di collaborazione con la Fise. L’anno scorso a Oristano, con un incontro sull’allevamento del cavallo in Sardegna, ha creato un’ottima intesa con la Fise Sardegna e la Fise nazionale, e hanno deciso di affrontare
quest’anno il tema del cavallo come risorsa preziosa dal punto di vista della salute fisica e mentale dell’uomo. Anche l’esperienza personale ha infatti dimostrato che persone affette da sclerosi multipla hanno trovato giovamento fisico e psicologico.
Durante il pomeriggio viene presentato anche il progetto “Here is the challenge”, nato dalla collaborazione tra Fise Sardegna e Fei per sclerosi multipla ed equitazione. Grazia Basano, consigliere federale della Fise, che ha fatto da moderatore al convegno, evidenzia come la Federazione sia molto attenta all’integrazione sociale e all’integrazione dei disabili, tanto che
è stato creato un apposito dipartimento paraequestre che si occupa della disabilità utilizzando i regolamenti del dressage, endurance e reining. Il paradressage è anche disciplina olimpica.
Lo sport può dare degli obiettivi di vita e creare un’autostima alle persone che sono svantaggiate. La vittoria nello sport non è la medaglia, ma è il percorso che conta, è quello che fa crescere le persone. Il consigliere Fise aggiunge che, anche se statutariamente non abbiamo quest’obbligo, come Fise destiniamo tante risorse economiche ed energie all’integrazione dei disagi fisici e psichici. Il cavallo ha avuto riscontri positivi anche per le persone affette da anoressie e bulimie. Si sentono molto grati al comitato sardegna della Fise e al Lioness Club Cagliari per questa iniziativa e la divulgazione importante dell’aiuto che può dare il cavallo, agli abili e ai disabili. Quest’anno ,infatti, verranno introdotte alle Ponyadi anche il paraendurance e i para attacchi e parareining discipline rivolte ai bambini.
Le Lioness trovano sempre nuovi canali per promuovere iniziative che diano valore e migliorino le aspettative e la qualità della vita di tutti, con l’entusiasmo e la grinta che le contraddistingue!

Renata Renoldi, Responsabile Marketing e Comunicazione di Club

Per gli interessati mi fa piacere evidenziare i relatori intervenuti:
Dr. Stefano SERIPA è Medico Psichiatra, Direttore SPDC Civitavecchia ASL Roma 4, Medico Responsabile di progetto IAA e Coadiutore del Cavallo. E’ Medico classificatore Equitazione paralimpica, Tecnico di RE specializzato in Sport Integrati e Tecnico di Equiturismo, oltre che componente della Commissione Federale Paraequestre e Sport Integrati.
Dr. Gianluigi GIOVAGNOLI, è Medico Veterinario, specializzato in “Sanità Animale”, perfezionato in “Medicina dello Sport del Cavallo” e Dottore di Ricerca. Responsabile dell’Ufficio Veterinario FISE dal 2000 ad oggi, nel 2018 riceve l’Attestato di idoneità per la figura di “Medico Veterinario Esperto in Interventi Assistiti con gli Animali”, dal IZS delle Venezie, su parere favorevole del Ministero della Salute.
Dott.ssa Barbara ARDU da 25 anni collabora con la Federazione Italiana Sport Equestri, ha ricoperto e ricopre vari ruoli, tra i quali quello di Responsabile del Dipartimento Formazione, e di recente le è stato affidato il coordinamento dell’Area Paraequestre. E’ Giudice internazionale di Dressage.
Alessandro PAVONI è Tecnico Di Equitazione Americana di 3° livello con specializzazione Reining e giudice internazionale di Reining. E’ il referente nazionale della nuova disciplina del Parareining.
Raffaela MONTIS è Tecnico di Riabilitazione Equestre FISE con specializzazione in Sport Integrati ed Equitazione Paralimpica, oltre che O.T.E.B. e Tecnico dell’Attività Ludica.
Alessandra PES DI SAN VITTORIO è Tecnico Fise specializzato in R.E., equitazione paralimpica e sport integrati, Steward di paradressage, Insegnante di scuola primaria, Operatore psicopedagogico, ed educatore nell’avviamento dei disabili allo sport.
Dott.ssa Pamela SESSELEGO è Psicologa e Psicoterapeuta, Tecnico FISE di Riabilitazione Equestre e Tecnico Federale di Equitazione Paralimpica, oltre che Istruttore Federale di 1° livello. Inoltre possiede i titoli di Responsabile di Progetto Terapie Assistite con Animali, Responsabile di Attività Assistite con Animali e Coadiutore del Cavallo rilasciati dal Centro di Referenza Nazionale per gli Interventi Assistiti con gli Animali.

Condividi su

 

Scroll to top